Qual è il computer più adatto per me?

computer Idea

Qualche consiglio per i professionisti che stanno valutando l’acquisto di un nuovo computer

Se stai leggendo questo articolo, significa che probabilmente stai valutando l’acquisto di un nuovo computer per poter lavorare al meglio. Perciò, l’obiettivo che mi sono dato, con questa mini-guida, è l’aiutarti a capire quali caratteristiche dovrebbe avere il computer ideale per te.

Al termine di ogni paragrafo, inoltre, puoi trovare un mio personale commento da imprenditore del settore e, al fondo, qual è la mia opinione sull’argomento “acquisto di un nuovo computer” e sulla scelta di affidarsi ad un consulente per il proprio acquisto.

Non perdiamo altro tempo e cominciamo subito!

a. Scelte preliminari

Prima di entrare nel vivo dell’argomento, è necessario fare il punto della situazione: che tipo di computer ti serve?

Ossia…

1. Computer portatile o fisso?

La risposta a questa domanda non è scontata: il tuo lavoro ti impone di rimanere in ufficio oppure ti permette di essere più libero nella scelta del luogo di lavoro (il famoso smartworking)? E, soprattutto, vuoi essere più libero oppure può andarti bene la scelta di un computer fisso?

Per esempio: se il tuo lavoro ha bisogno solamente dei dati che salvi in cloud (ne parleremo presto, promesso)  di una connessione internet, allora un portatile potrebbe essere la scelta giusta per te. Oppure se sei un lavoratore che si trova spesso a viaggiare e ad incontrare clienti nelle loro aziende e non vuoi utilizzare i loro dispositivi (tenendo tutti i dati all’interno del tuo pc).

Se invece incontri i clienti nel tuo ufficio oppure hai bisogno di prestazioni estremamente elevate, allora il computer fisso è la soluzione per te.

Attenzione però: ricordati sempre che a parità di prestazioni, il computer portatile ti costerà di più. Questioni di spazi (il portatile deve includere “sotto lo schermo” tutto ciò che serve per farlo funzionare).

Ovviamente vale anche la scelta ibrida: utilizzare in ufficio un computer fisso e portarti a casa il portatile.

2. Pre-assemblato o da assemblare?

Innanzitutto, cosa sono?

  • Pre-assemblato: il classico computer che poi acquistare nelle grandi catene, con specifiche e prestazioni predefinite. Non è possibile, al momento dell’acquisto, fare alcuna modifica hardware (scheda grafica, scheda audio, schermo, etc.) o software (cambiare memoria interna, sistema operativo, etc.). Paghi un prezzo e scegli quello che preferisci tra quelli disponibili.
  • Da assemblare: la scelta più amata dagli “amanti” del pc: ogni parte viene comprata singolarmente e poi viene assemblata dal possessore, che ha il controllo totale sulla scelta della macchina. Il contro? Bisogna essere capaci a fare questa operazione di assemblaggio.
  • Ibrida: compro un computer pre-assemblato e, successivamente, pago qualcuno (o faccio da me) per migliorare le prestazioni della macchina appena acquistata.

Ognuna di queste tre scelte porta con sé dei pro e dei contro: da una parte abbiamo la scelta più semplice (acquistiamo il prodotto, lo portiamo a casa e lo accendiamo) e dall’altra la più complessa (devo preoccuparmi di ogni parte della costruzione e dell’installazione del pc).

Alla difficoltà però, è strettamente unita un’altra caratteristica: più posso controllare le specifiche (scheda grafica, schermo, tastiera, programmi, etc.) più sarò in grado di avere il punto ottimale di qualità/prezzo. Perché, ovviamente, sapendo quale utilizzo farò del mio computer, posso regolare di conseguenza l’acquisto delle varie parti.

Il mio consiglio, da imprenditore del settore, è quello di comunque fare delle modifiche al computer pre-assemblato (per poter ottenere il risultato ottimale) ma di affidarsi a qualcuno se non si è capaci.

Uno dei tanti rischi che si corre, per esempio, è di comprare vari pezzi che, però, non riescono a funzionare insieme.

Il risultato? Puoi immaginarlo da te.

b. Altri fattori di scelta

Bene, abbiamo visto le due principali domande da affrontare immediatamente. Ora invece andremo a vedere altri fattori di scelta per l’acquisto di un computer.

1. Utilizzo

Di che cosa ti occupi? Qual è la tua professione?

Queste sono le due domande a cui devi rispondere per decidere quale computer acquistare.

Sei un architetto e utilizzi programmi di grafica molto difficili da gestire per un normale computer? Beh forse avrai bisogno di un computer decisamente potente e affidabile, che non si blocchi nel mezzo del lavoro facendoti perdere tutto.

Il tuo lavoro deriva dall’utilizzo di programmi online? Allora puoi permetterti di scegliere un computer più “leggero”, meno performante ma che ti costerà decisamente meno. Oppure valutare un portatile da utilizzare sia in ufficio che a casa.

L’importante è, al momento della scelta, capire cosa ti serve. Eviterai così di comprare un computer eccessivamente costoso oppure talmente poco performante da essere buono solo come soprammobile nel tuo ufficio. E doverne poi comprare un altro.

2. Budget

Non ne ho parlato finora, ma è giunto il momento fatidico: Qual è il tuo budget? Quanto vorresti spendere?

Naturalmente, ad ogni prezzo corrispondono caratteristiche migliori peggiori.

“Non aspettarti di comprare un cavallo da corsa con la spesa di un ronzino”

La chiave è ottimizzare l’investimento e trovare il miglior compromesso qualità/spesa.

Eventualmente valutando eventuali modifiche successive all’acquisto.

3. Prestazioni

Questo punto è strettamente legato al primo che abbiamo affrontato: Solo sapendo che utilizzo ne farai potrai capire quale tipo di prestazione ti serve.

Fascia AltaMediaBassa?

Scheda grafica più potente rispetto alla media di mercato? Uno schermo più luminoso ed ampio (magari per evitare di dover sforzare troppo gli occhi)? Serve con una buona memoria? O basta che si connetta ad internet? Lo utilizzo anche al di fuori del lavoro?

Vedi, ricadiamo nelle stesse domande di prima.

Quindi il consiglio è: cerca di capire prima cosa ti serve, SOLO DOPO metti a confronto i vari modelli.

4. Affidabilità

È piuttosto banale questo punto: a costo di spendere qualcosa in più… scegliere il modello più affidabilela tua salute mentale ti ringrazierà!

Ma come si raggiunge l’affidabilità? Beh, molto semplicemente dipende dal tipo di programmi che il computer deve gestire, dal numero di ore di utilizzo giornaliero (soprattutto nei portatili).

Se abbiamo programmi con dati sensibili/estremamente importanti possiamo anche valutare un backup (qui un articolo per saperne di più) costante e continuo.

In questo modo potrai lavorare sempre al meglio, senza intoppi!

5. Estetica

Sì, per molti potrebbe essere banale o secondario come aspetto. Ma non per tutti (e non per te, magari!).

Sui gusti non si discute

Perciò chi sono io per giudicarti? Scegli il modello che più ti ispira o che completa al meglio il design del tuo ufficio.

MA, ricordati un piccolo particolare.

A parità di altri fattori, un computer realizzato anche con un occhio al design… costa di più!

3. Affidarsi ad un consulente per l’acquisto di un computer

Molto spesso mi capita di parlare con imprenditori che mi dicono: “Ma sì dai Marco, fai tu che sai di computer, a me basta che funzioni” oppure “No lo uso solamente per l’ufficio” (e poi si scopre che il figlio lo usa anche per giocare).

Non funziona così. Se ci si vuole affidare ad una persona esperta, ma che non sei tu, è fondamentale:

  • Dialogo: Se non spieghi precisamente di cosa tu abbia bisogno, sarà molto difficile che un consulente riesca a soddisfarti in pieno (o proporre altre valide alternative);
  • Dare un resoconto dopo qualche tempo: Anche questo è un punto molto importante. Se ti trovi bene con il computer, diglielo!
  • Accettare consigli: Se sei tranquillo riguardo al consulente a cui ti sei affidato è più semplice, naturalmente. Un buon consulente saprà consigliarti al meglio per l’acquisto e per, eventualmente, migliorare il computer acquistato (mantenendolo aggiornato e con nuovi miglioramenti alle attrezzature). Perciò accetta un consiglio, valutalo e poi decidi!

4. Conclusione

Siamo arrivati alla fine di questa mini-guida all’acquisto del computer.

Il punto principale da cui partire, è capire a cosa ti serve. Ancora prima di confrontare modelli, recarti in 200 negozi diversi… Se non sai cosa ti serve (e, di conseguenza, cosa vuoi) non potrai mai essere soddisfatto e il tuo acquisto sarà sempre un salto nel buio. 

Affidarsi ad un consulente è una buona soluzione per chi non ha tempo/conoscenze tali da poter decidere quale prodotto acquistare, ma è necessario che si spieghi accuratamente cosa serve/di cosa si ha bisogno.

In questo modo potrai avere ciò che ti serve davvero!

E con questo ultimo punto ho davvero concluso, non mi resta che salutarti e consigliarti di leggere altri articoli del nostro blog (parlo di computer e IT aziendale!) per altri articoli come questo.

Spero di esserti stato d’aiuto!

Marco Valle

La Newsletter firmata Grandalab!

La tua fonte principale di consigli per la gestione della tua azienda online e offline.

Post Correlati

Preferenze sulla privacy
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano memorizzate informazioni tramite il browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.