Sei tranquillo riguardo alla sicurezza dei tuoi computer aziendali?

Sicurezza-computer-aziendali

Antivirus, Cryptowall, Firewall, consigli per l’uso: La guida alla sicurezza di GrandaLab

Se sei un imprenditore o un professionista che non riesce a dormire sonni tranquilli per colpa della sicurezza informatica della propria attività allora questo è l’articolo giusto per te. Oggi parleremo di sicurezza, nello specifico di Antivirus.

Partendo da un presupposto, però: Il rischio esiste ed esisterà sempre.

Come si può fare business se ogni giorno, in azienda, si rischia di beccarsi un virus oppure di perdere tutti i dati?

Risposta semplice, non si può.

Si rischia di perdere tutto, di ritrovarsi rubati dati sensibili (tuoi e, ahimè, dei tuoi clienti) e rischiare… un bel po’!

Ma allora come difendersi?

C’è bisogno di fare chiarezza.

Antivirus: cosa sono e quale scegliere

Partiamo da uno dei problemi principali quando si tratta della sicurezza IT delle aziende (e dei privati, ovviamente): il rischio di contrarre un virus.

Come proteggersi? Beh semplice, con un antivirus. Piuttosto banale vero?

Eppure ce ne sono moltissimi in circolazione, a pagamento e gratuiti, con più o meno funzionalità.

Vediamo alcune caratteristiche, così che ti possa orientare meglio.

1. Il prezzo

Esistono antivirus gratuiti e a pagamento. Ovviamente i primi avranno qualche funzionalità in meno rispetto alla versione a pagamento. Sono una soluzione “meglio che niente” soprattutto per i computer privati che utilizziamo a casa, dato che offrono una protezione standard che può soddisfare chi il computer lo utilizza poco/nulla (andare su siti conosciuti e sicuri, ricerche con Google, social, siti aziendali, acquisti da e-commerce affidabili, etc.) e che, non volendo restare completamente senza protezione, decide di scaricarne uno gratuito. Mi sento di sconsigliarteli per una realtà aziendale, perché al vantaggio di non avere un costo immediato si ha l’enorme svantaggio di non essere tranquilli.

La stima, infatti, è che un antivirus gratuito abbia una protezione di circa il 60%, contro una percentuale del 95% della versione a pagamento (sì, purtroppo i malintenzionati sono sempre un passo avanti, per quello la percentuale non è del 100%).

Ricorda che non ci sono solo i tuoi dati in azienda ma anche, e soprattutto, i dati dei tuoi clienti. Che se dovessero scoprire i loro dati rubati per causa tua… Beh di certo non ti organizzerebbero una festa.

Pertanto per le imprese la scelta migliore è un buon antivirus a pagamento, che permetta di avere funzionalità premium (ossia esclusive per chi paga) e una percentuale di protezione molto più alta.

2. Modalità di acquisto di antivirus a pagamento

Già, tanto per complicarci ancora di più la vita… gli antivirus a pagamento possono essere acquistati come:

  • Acquisto “classico”: scegli un antivirus, ti piace, lo compri. È tuo per sempre (o per quanto dura la licenza);
  • Acquistoad abbonamento“: Ogni anno, paghi una certa cifra che ti permette di utilizzare il prodotto, fino al rinnovo successivo.

Fino a qualche anno fa, la quasi totalità degli antivirus era a pagamento “one-shoot” (un solo acquisto) ma il mercato si è rapidamente evoluto ed oggi la situazione si è praticamente invertita: l’abbonamento domina.

I vantaggi sono diversi:

  • Il costo annuale è minore rispetto all’acquisto vero e proprio;
  • Ci sono pacchetti diversi per ogni esigenza: ormai ogni antivirus ha una versione free, poi una a pagamento standard e altre versioni che aggiungono funzionalità e strumenti utili all’utente. Se conosci di cosa hai bisogno, puoi indirizzarti verso il prodotto più adatto a te, scartando eventuali funzioni che non ti servirebbero;
  • Costando meno, il passaggio da un antivirus all’altro è più semplice: Per capire se un antivirus è davvero efficace e adatto alla nostra attività le opzioni sono due: 1. Ci rivolgiamo ad un professionista e deleghiamo a lui la scelta; 2. Testiamo ogni antivirus del mercato. Capirai bene che c’è differenza tra acquistare ogni volta un antivirus diverso oppure semplicemente disdire l’abbonamento. È più pratico!

Il contro dell’abbonamento è piuttosto ovvio: ogni anno ti ritrovi a pagare una quota e sei vincolati a quell’abbonamento, senza effettivamente possedere la licenza di utilizzo, come avveniva in passato.

Caratteristiche utili di un buon antivirus

Ora vedremo, insieme, quali sono le principali caratteristiche che un buon antivirus dovrebbe avere, così che tu possa avere un’idea quando ne sceglierai uno nuovo o quando ti ritroverai a dover rinnovare il tuo abbonamento.

  • Motore per la scansione del disco: una lunga frase per dire, semplicemente, che il tuo antivirus deve essere in grado di poter analizzare il tuo computer e trovare elementi dannosi per il tuo pc. La classica scansione che bisogna fare una volta ogni qualche settimana;
  • Deve essere aggiornabile: Come tutti i programmi, gli antivirus possono essere migliorati e mantenuti sempre aggiornati alle ultime novità, pertanto controllate che il produttore migliori il prodotto tramite download e nuove versioni (e ricordati di aggiornarlo, però!);
  • Filtro antispam: che bello ricevere decine di email e notifiche da persone sconosciute che ci offrono i loro prodotti che non ci interessano per nulla… no? Scherzo, per questo è importante che il tuo antivirus abbia un buon filtro spam, ti eviterà grossi mal di testa. Un esempio di filtro antispam (ma per le email) è quello di Gmail, la posta elettronica di Google;
  • Firewall: FON-DA-MEN-TA-LE per la navigazione online. Il firewall è un “muro” che protegge i dati del computer e segnala siti pericolosi o potenzialmente pericolosi (non si è mai troppo tranquilli), avvertendoci con un messaggio a schermo che ciò che vogliamo visitare potrebbe essere dannoso per il nostro pc.
  • ADBlock: non è propriamente una protezione per il computer ma permette di evitare pubblicità eccessive ed indesiderate. Alcuni antivirus hanno questa funzionalità, utile se la pubblicità rimanda ad un sito pericoloso o se vogliamo evitare clic indesiderati.

Ovviamente ci sono molte altre caratteristiche utili MA sono comuni a tutti gli antivirus (per esempio rendere innocui i virus e “separarli” dal resto del computer, evitando danni), perciò puoi stare tranquillo che avrai sempre garantita una soglia minima di protezione.

Conclusioni finali

Oggi abbiamo iniziato a parlare di sicurezza informatica, partendo dagli antivirus. Tuttavia il discorso è talmente ampio che racchiuderlo in un solo articolo sarebbe impossibile.

Perciò ti invito a rimanere sempre aggiornato (visitando il nostro blog), dove potrai trovare altri consigli utili per la sicurezza della tua attività!

Modifica del 10/07/2019: Ho scritto un articolo completamente dedicato agli antivirus aziendali, se ti fa piacere puoi leggerlo e trovare altre informazioni utili, semplicemente cliccando qui.

E ricordati:

La prima forma di protezione è il nostro comportamento online perciò… fai attenzione!

Marco Valle

La Newsletter firmata Grandalab!

La tua fonte principale di consigli per la gestione della tua azienda online e offline.

Post Correlati

Preferenze sulla privacy
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano memorizzate informazioni tramite il browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.